Our Blog

Il lupo appenninico

Negli ultimi decenni il lupo, dopo una lunga fase di drastico declino dovuto principalmente alla persecuzione umana diretta ed indiretta, si è andato lentamente espandendo su tutta la catena appenninica, ripopolando l’areale pregresso e colonizzando anche nuove aree, arrivando oramai fino alle Alpi. I motivi del suo ritorno sono principalmente effetto delle molte azioni di tutela portate avanti negli ultimi decenni con l’introduzione di un regime legale di protezione, grazie a normative nazionali e internazionali e per il lavoro compiuto dalle aree protette, in particolare quelle appenniniche.

Il lupo è un elemento fondamentale degli ecosistemi naturali e le esigenze ecologiche di questa specie comprendono ampie aree di habitat idonei e presenze abbondanti di prede naturali. La conservazione di popolazioni vitali del lupo, quindi, determina effetti positivi sulla diversità biologica e sugli ambienti naturali. In alcuni contesti, però, il lupo causa rilevanti problemi gestionali, principalmente per l’impatto predatorio esercitato sul patrimonio zootecnico ed i conflitti che ne derivano possono essere all’origine del diffuso bracconaggio che è considerato una delle principali cause di mortalità della specie in Italia.

Altri fattori di minaccia, come la perdita e la frammentazione dell’habitat, il disturbo antropico, i fattori demografici, la forma e la frammentazione dell’areale, sono considerati di secondaria importanza. Sebbene la situazione sia migliorata, la presenza della specie causa ancora alcuni disagi e ostilità tra le comunità locali, e il conflitto con il settore zootecnico risulta una problematica attuale che necessita di essere ulteriormente gestita tramite metodiche standardizzate e condivise dai vari enti e già sperimentate in molte aree protette appenniniche.
Punto fondamentale di questa strategia condivisa per la tutela del lupo nell’Appennino è stato il progetto Life Wolfnet, terminato alla fine del 2013, uno strumento fondamentale per la condivisione di esperienze, problematiche e strategie unitarie, al fine di rendere sempre più compatibile la presenza del lupo con le attività zootecniche del territorio, anche attraverso il sostegno delle istituzioni alle imprese.

 

Documenti e progetti collegati:

Piano d’azione del lupo

Carta di Sulmona

LIFE Wolfnet

Report LIFE Wolfnet

[wp_posts_carousel template="simple.css" post_types="post" all_items="20" show_only="id" exclude="" posts="" ordering="asc" categories="35" relation="and" tags="" show_title="true" show_created_date="false" show_description="false" allow_shortcodes="false" show_category="false" show_tags="false" show_more_button="false" show_featured_image="true" image_source="thumbnail" image_height="100" image_width="100" items_to_show_mobiles="1" items_to_show_tablets="2" items_to_show="4" slide_by="1" margin="5" loop="true" stop_on_hover="true" auto_play="true" auto_play_timeout="1200" auto_play_speed="800" nav="true" nav_speed="800" dots="true" dots_speed="800" lazy_load="false" mouse_drag="true" mouse_wheel="true" touch_drag="true" easing="linear" auto_height="true" custom_breakpoints=":"]


No Responses

Leave a Reply

Legambiente Natura