Category Archives: Biodiversità

La flora

La fisionomia di un ambiente naturale è frutto di una lenta e progressiva evoluzione di animali e piante che, con le loro funzioni, contribuiscono a trasformare l’ambiente stesso. I primi vegetali ad occupare un territorio (le “specie pioniere”) si caratterizzano per la capacità di sopravvivere in condizioni estreme. Con le loro radici esse disgregano e alterano la roccia e con la sostanza organica prodotta dalla fotosintesi depositano l’humus, che permette la vita agli animali del terreno. Attraverso cicli di evoluzioni successive, si giunge ad uno stadio finale nel quale flora e fauna raggiungono una loro stabilità: è lo stadio di Read more…

Le foreste

La superficie forestale nel nostro Paese ha raggiunto gli 11,8 milioni di ettari, interessando oltre il 39% della superficie del Paese. Negli ultimi trenta anni i boschi hanno conquistato oltre 3 milioni di ettari. Questi numeri restituiscono uno scenario con luci e ombre, poiché la crescita delle nostre foreste non è certo il risultato di politiche mirate o di strategie per la conservazione della biodiversità quanto, piuttosto, dell’abbandono di territori che sono stati persi alla pratica agricola, quella di montagna in particolare, e di un più generale abbandono e spopolamento delle aree interne con economie locali che oggi non hanno Read more…

Il mare

Il mare e le aree costiere italiane subiscono minacce continue, su più fronti, che mettono a serio rischio l’integrità di questi ambienti fondamentali per la vita. Il Mediterraneo è considerato tra i 25 luoghi a maggior concentrazione di forme di vita animale e vegetale sulla terra. Pur interessando solo lo 0,7% della superficie dei mari del pianeta, ospita infatti il 7% della sua fauna, oltre a numerose piante dalla eccezionale varietà e alla grande abbondanza di endemismi. Legambiente, l’associazione ambientalista più diffusa in Italia, è impegnata da sempre in campagne di informazione e sensibilizzazione sullo stato di salute del mare Read more…

La pesca

[wp_posts_carousel template="simple.css" post_types="post" all_items="20" show_only="id" exclude="" posts="" ordering="asc" categories="35" relation="and" tags="" show_title="true" show_created_date="false" show_description="false" allow_shortcodes="false" show_category="false" show_tags="false" show_more_button="false" show_featured_image="true" image_source="thumbnail" image_height="100" image_width="100" items_to_show_mobiles="1" items_to_show_tablets="2" items_to_show="4" slide_by="1" margin="5" loop="true" stop_on_hover="true" auto_play="true" auto_play_timeout="1200" auto_play_speed="800" nav="true" nav_speed="800" dots="true" dots_speed="800" lazy_load="false" mouse_drag="true" mouse_wheel="true" touch_drag="true" easing="linear" auto_height="true" custom_breakpoints=":"]

L’Appennino

La catena appenninica è caratterizzata da habitat naturali di grande complessità e ricchezza e da un profondo rapporto con l’uomo e le sue attività; può vantare la presenza di beni storici e culturali di rilevanza mondiale, di importanti sistemi insediativi rurali e montani, di grandi itinerari storico religiosi e si configura come il sistema naturale unitario di maggiore rilevanza ed estensione di tutto il paese, caratterizzato dalla più ricca presenza di aree naturali protette. Tanti sono gli aspetti che possono caratterizzare l’intero arco appenninico come vero e proprio ponte tra l’Europa e il Mediterraneo. I motivi storici sono quelli che Read more…

Agroecologia

[wp_posts_carousel template="simple.css" post_types="post" all_items="20" show_only="id" exclude="" posts="" ordering="asc" categories="35" relation="and" tags="" show_title="true" show_created_date="false" show_description="false" allow_shortcodes="false" show_category="false" show_tags="false" show_more_button="false" show_featured_image="true" image_source="thumbnail" image_height="100" image_width="100" items_to_show_mobiles="1" items_to_show_tablets="2" items_to_show="4" slide_by="1" margin="5" loop="true" stop_on_hover="true" auto_play="true" auto_play_timeout="1200" auto_play_speed="800" nav="true" nav_speed="800" dots="true" dots_speed="800" lazy_load="false" mouse_drag="true" mouse_wheel="true" touch_drag="true" easing="linear" auto_height="true" custom_breakpoints=":"]

Dossier Biodiversita’

Ogni anno Legambiente pubblica una relazione sulla condizione degli habitat e delle specie nel nostro Paese. La biodiversità è minacciata dalla perdita e frammentazione degli habitat, dai cambiamenti climatici, dal sovrasfruttamento delle risorse, dall’introduzione di specie aliene e invasive e dall’inquinamento. Il Dossier analizza, con focus specifici, lo stato di salute di alcune specie e dei diversi tipi di habitat presenti in Italia, utilizzando dati dell’Agenzia Europea dell’Ambiente e di istituti di ricerca, tra cui l’ISPRA.   Biodiversita’ a rischio 2019   Biodiversita’ a rischio 2018   Biodiversita’ a rischio 2017

Le zone umide

Le zone umide sono ambienti che ricoprono un ruolo fondamentale, accogliendo la più grande biodiversità della Terra, e sono fulcro di importanti rotte migratorie, ma sono anche ecosistemi particolarmente sensibili all’impatto dei cambiamenti climatici. Si tratta di ambienti che svolgono una funzione fondamentale per garantire le risorse di acqua e cibo e lo stoccaggio del carbonio, ma sono anche luoghi di grande bellezza e perciò visitabili in ogni stagione, per svolgere escursioni naturalistiche e birdwatching. La Convenzione di Ramsar, firmata il 2 febbraio 1971, ha permesso di identificare le più importanti aree umide mondiali, caratterizzate da ecosistemi ad altissima biodiversità. Read more…

Legambiente Natura