ARTICOLI

Zona A della Riserva di Ustica: Legambiente scrive al Ministro Costa

Il Sindaco di Ustica, in qualità di soggetto gestore, ha proposto di aprire alla libera balneazione la zona A di riserva integrale, come già avviene per le altre zone dell’Area marina protetta, per garantire il distanziamento sociale durante l’emergenza sanitaria. Gli uffici del Ministero dell’Ambiente hanno accolto positivamente la richiesta che, nei fatti, declassa la zona A. Il Presidente di Legambiente Stefano Ciafani il 3 luglio ha scritto direttamente al Ministro affinchè intervenga. Pubblichiamo il testo della lettera.   Caro Ministro, nei giorni scorsi abbiamo appreso con disappunto che gli uffici preposti del Ministero hanno accolto positivamente la richiesta avanzata Read more…

Secondo forum nazionale: “La bioeconomia delle foreste” 30-31 ottobre 2019

In Italia più di un terzo della superficie nazionale è ricoperta dai boschi. Seppur in crescita, per via dall’abbandono dei terreni agricoli e di quelli legati ai pascoli, oggi questi cuori verdi nazionali – che ospitano quasi metà del numero di specie animali e vegetali d’Europa – sono sempre più vulnerabili e fragili anche per via degli impatti dei cambiamenti climatici e degli eventi estremi. L’innalzamento delle temperature, le piogge intense, le raffiche di vento, le gelate precoci, ma anche i forti periodi di siccità sono, insieme alla piaga degli incendi e all’arrivo di nuovo specie aliene, tra le principali Read more…

Legambiente e Prodos uniscono le competenze per supportare nuove idee e progetti per l’ambiente

La necessità e l’opportunità di beneficiare dei finanziamenti europei è avvertita, ormai, da tutti i soggetti coinvolti nella soluzione di problemi ambientali o sociali. Eppure, l’Italia è sempre tra le ultime per utilizzo dei soldi ricevuti e, a due anni dalla chiusura dell’attuale programmazione, il nostro paese è riuscito ad utilizzare – secondo gli ultimi dati della Commissione Europea – soltanto il 17% delle risorse (circa 12 mld di euro, su una spesa totale prevista di quasi 76 mld). Un dato che conferma la percezione di molti attori del nostro territorio che considerano queste opportunità di finanziamento come realtà molto Read more…

Cosa possiamo fare per salvare la biodiversita’ del pianeta

di Antonio Nicoletti – Resp. nazionale Aree protette e Biodiversità Legambiente L’ultimo rapporto della Fao parla chiaro: a rischio razze di bestiame locali, stock ittici e cibo selvatico. Occorre lavorare sulle cause che stanno minacciando la ricchezza e la varietà di specie alimentari e agricole La biodiversità alimentare e agricola, base della nostra stessa sussistenza, sta scomparendo. È questo l’allarmante messaggio della Fao, contenuto nel recente rapporto sullo ‘Stato della biodiversità mondiale per l’alimentazione e l’agricoltura’ che contiene i dati registrati nelle ultime due decadi in 91 Paesi del pianeta. Il rapporto ha analizzato le informazioni relative a tutte quelle Read more…

Forum “La bioeconomia delle foreste”

Delineare una nuova strategia per le foreste italiane, condivisa tra i soggetti pubblici, imprese, operatori, istituzioni, enti di ricerca e stakeholder, che riconosca il ruolo multifunzionale delle nostre infrastrutture verdi e che metta al centro due elementi chiave: la “tutela della biodiversità” e le “produzioni green”. È questo l’obiettivo del primo forum nazionale sulla gestione forestale sostenibile “la bio-economia delle foreste”, promosso da Legambiente, che si terrà a Roma il 20 novembre, dalle 10.00 alle 17.00, presso lo storico palazzo WeGil a Trastevere. Se da una parte – infatti – le foreste preservano la biodiversità, prevengono l’erosione del suolo e Read more…

Estate 2018: boom di segnalazioni dei nidi della tartaruga marina Caretta caretta

Roma, 20 settembre 2018. Quella di quest’anno è stata una straordinaria stagione per la riproduzione della Caretta caretta in Italia. Segnalati ad oggi oltre 70 nidi, dalla Sicilia alla Toscana, interessando le coste dei mari Tirreno, Adriatico, Ionio e del canale di Sicilia. La fotografia scattata ad oggi, in base alle nostre informazioni, della presenza di nidi sul territorio italiano conta circa 35 nidi in Calabria, 15 in Sicilia, 7 in Puglia, 6 in Campania, 4 in Toscana, 2 in Sardegna, 2 nel Lazio e 1 in Basilicata. Si tratta di un dato comunque sottostimato, considerando che non esiste un Read more…

Approfondire la verita’ per onorare i morti e ridare una nuova speranza alle Gole del Raganello

di Antonio Nicoletti* 13 settembre 2018. Le indagini per la morte dei 10 escursionisti nelle Gole del Raganello avvenuta a Civita lo scorso 20 agosto registrano una accelerazione importante a meno di un mese dai fatti e ieri, la Procura della Repubblica di Castrovillari, ha emesso sette informazioni di garanzia a carico dei sindaci di Civita, Cerchiara di Calabria e San Lorenzo Bellizzi, del Presidente del Parco nazionale del Pollino, del Responsabile dell’Ufficio Territoriale per la Biodiversità di Cosenza dei Carabinieri Forestali e di due guide escursionistiche. Un atto dovuto a tutela di tutti i soggetti che, a parere della Read more…

Pubblicato dal Parco nazionale d’Abruzzo il Rapporto Orso 2017

Per il terzo anno consecutivo il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise(Pnalm) presenta il Rapporto Orso, con le attività di conservazione dell’orso marsicano realizzate nel corso dell’anno 2017 che sarà presentato lunedì 13 agosto a Scanno, uno dei comuni dell’area protetta. La presentazione del rapporto, pubblicato dal periodico Natura Protetta edito dall’Ente parco, è una scelta di trasparenza e comunicazione pubblica che si deve all’attuale presidente Antonio Carrara che ribalta una precedente impostazione dei vertici del Parco che poco o nulla faceva sapere sullo stato di conservazione di questo straordinario plantigrado. Nel rapporto vengono riportati i dati sulle varie attività Read more…

Legambiente Natura